Sistemi di climatizzazione

Daikin-logo
Fujitsu-logo

Impianti monosplit e multisplit, canalizzati, senza unità esterna, portatili e pannelli radianti.

L’impianto di condizionamento consente di ottenere la temperatura ideale all’interno della propria abitazione.

I condizionatori raffreddano solamente l’aria ma non ne gestiscono il ricambio, né deumidificano l’ambiente. Mentre i climatizzatori permettono il riciclo dell’aria, la filtrano e la purificano e sono in grado di deumidificare e, in alcuni casi, anche riscaldare l’ambiente. Oggi la quasi totalità dei prodotti per il condizionamento sul mercato sono climatizzatori che raffrescano, riscaldano e deumidificano l’ambiente.

Una volta scelto se acquistare un condizionatore o climatizzatore, è importante capire le esigenze di spazio, se scegliere un modello fisso o uno portatile:

● Un impianto di climatizzazione fisso consente di gestire le condizioni climatiche di ogni ambiente: il livello della temperatura,l’umidità e la purificazione dell’aria. Se ben posizionati e proporzionati, non è necessaria l’installazione di una singola unità per ogni ambiente. Ovviamente necessitano un’installazione invasiva, fatta da professionisti specializzati, ma oggi esistono tipologie di impianti di condizionamento fissi che si adattano a tutte le esigenze di spazio (esistono climatizzatori a parete, a soffitto, ad angolo, a pavimento o a incasso).

  • I climatizzatori portatili sono molto indicati per ambienti piccoli e facili da scaldare o rinfrescare. Hanno sostanzialmente le stesse funzionalità anche di deumidificazione e filtraggio dell’aria, con l’unica differenza di una minor efficacia, una maggior rumorosità, ma un’estrema facilità e comodità di spostamento, senza interventi strutturali alle pareti di casa.

La tecnologia “on-off”, quella classica dei primi impianti di condizionamento, funziona alternando periodi di attivazione a periodi di disattivazione della macchina a seconda della temperatura all’interno del locale. La tecnologia inverter consente di regolare in continuazione e automaticamente la potenza e la velocità di funzionamento dei climatizzatori. Quale delle due tecnologie scegliere per un impianto di condizionamento? La tecnologia inverter comporta un risparmio energetico di circa il 40%!

In fase di scelta di un nuovo climatizzatore per la casa, si dovrà decidere anche se acquistare un impianto mono-split o multi-split.

● I climatizzatori mono-split sono quei sistemi in cui ogni apparecchio interno è collegato ad una unità esterna.

  • Un impianto multi-split, invece, consiste in un sistema di climatizzazione munito di due o più apparecchi interni collegati alla stessa unità esterna. Questo sistema è più costoso, ma maggiormente efficiente per realtà abitative, o aziendali, più grandi perché permette di ottimizzare costi e prestazioni.

Ecco le caratteristiche da tenere in considerazione per un acquisto consapevole:

La potenza, che dovrà essere direttamente proporzionale alla grandezza della stanza da climatizzare. L’unità di misura è espressa in BTU/h e per scegliere il modello giusto vi basterà moltiplicare 340 per i metri quadrati della stanza.

Il sistema di filtraggio dev’essere sempre presente nel proprio impianto poiché aiuta a migliorare la qualità dell’aria all’interno dell’abitazione.

La classe energetica è importante per determinare quanto il nostro impianto inciderà sulla bolletta elettrica. La classe più efficiente in commercio è la A+++, si consiglia di acquistare almeno un impianto classe A+.

Il grado di rumorosità è da tenere ben presente in fase di acquisto.La rumorosità è indicata in etichetta con l’unità di misura Decibell (dB).